INCONTRO DI IMPROVVISAZIONE MUSICALE

Data: 
Domenica, Novembre 17, 2019 - 17:00 to 23:00

DOMENICA 17 NOVEMBRE 2019

INCONTRO DI IMPROVVISAZIONE MUSICALE

con la partecipazione di

LUCIANO CARUSO, sax soprano curvo

NICOLA GUAZZALOCA, pianoforte

Gli incontri di improvvisazione, gratuiti e aperti a tutti, sono un terreno di sperimentazione e confronto rivolto a quegli aspetti creativi e relazionali che accompagnano una grande libertà di scelta ma anche la responsabilità del risultato, e si pongono come luogo di condivisione diretta dei diversi approcci veicolati dai partecipanti. Ospiti dell'incontro saranno i musicisti che la sera proporranno la lezione-concerto. 

La capacità di improvvisare non può essere imposta e dipende in primo luogo dalla conoscenza. 

Si apprendono, e si comprendono, i modi in cui opera l’improvvisazione attraverso i fallimenti e i successi cui si va incontro nel praticarla.
(Derek Bailey, “L'improvvisazione: sua natura e pratica in musica”)
 

Programma:

Ore 17.00 – 19.00 incontro di improvvisazione musicale (aperto a tutti)

Ore 19.00 – 21.00 cena componente al sacco (ciascuno porta qualcosa e si condivide con gli altri)

Ore 21.30 lezione-concerto con Luciano Caruso (sax soprano) e Nicola Guazzaloca (pianoforte)

LUCIANO CARUSO

Luciano Caruso appartiene alla prima generazione di musicisti che per prima in Italia aprì le porte alle conseguenze del free-jazz ed alla libera improvvisazione, dedicandosi con determinazione e coerenza alla definizione di nuove forme e concetti che mettessero in discussione il confine accademico posto tra composizione ed improvvisazione, tra musica colta e musica popolare, sia sul fronte performativo che su quello della didattica. Nasce il 19 luglio 1957 a Torino dove fin da giovanissimo si dedica alla musica, per poi trasferirsi a Vittorio Veneto nel 1973. Frequenta l'Istituto musicale "Toti Dal Monte" a Pieve di Soligo (TV) e successivamente la scuola "Dizzy Gillespie" di Bassano del Grappa (VI), dal 1977 ha frequentato seminari tenuti tra gli altri da Renato Geremia, Gary Burton e Steve Lacy, per sviluppare un personale percorso di studio e ricerca, venendo a più riprese indicato dalla stampa specializzata tra i migliori musicisti della scena “jazzistica”. Ha suonato in varie formazioni collaborando con musicisti come Eddi Busnello, Nello Da Pont, Giovanni Maier, Gianluigi Trovesi, Carlo Actis Dato, Giorgio Pacorig, Daniele Cavallanti, Michele Rabbia, Massimo De Mattia, Daniele Dagaro, Achille Succi, Ermes Ghirardini, Lauro Rossi, Romano Todesco, U.T.Gandhi e molti altri, tra i quali alcuni veri e propri pionieri della scena sperimentale italiana.  Ha scritto e suonato per cinema, teatro, danza e performance multidisciplinari.

Nel 1992 con il batterista Nello Da Pont ha ideato il "Progetto Exit", scuola di musica, jazz e sperimentazione con sede a Vittorio Veneto, città della quale dirige la banda comunale. Caruso è stato ospite della SPMII con un workshop dedicato alla scrittura non convenzionale (partiture visive) e all’improvvisazione, basato su elementi grafici ricavati dalle opere di Vasilij Kandinskij.

NICOLA GUAZZALOCA

Nato nel 1975 a Bologna, Nicola Guazzaloca integra una varietà di influenze e approcci operando al di fuori dei limiti di genere, prediligendo una comunicativa integra e senza compromessi. Elabora un peculiare approccio alla composizione, all’organizzazione della musica ed all’improvvisazione unitamente ad un linguaggio pianistico estremamente personale. Con la propria musica si è esibito in rassegne e festival internazionali in Italia, Germania, Inghilterra, Russia, Portogallo, Ungheria, Serbia, Austria, Olanda, Francia e Belgio. Ha all'attivo oltre una trentina di pubblicazioni, il suo piano solo “Tecniche Arcaiche” è indicato tra i migliori dischi dell’anno dalla rivista Musica Jazz, così come “Live in Rome” con il quintetto Comanda Barabba, ripreso dal vivo presso gli studi di Rai Radio3 per la trasmissione “Battiti”; “A Pearl In Dirty Hands” (insieme a musicisti portoghesi e uruguaiani) è inserito da Jazz Portugal tra i dischi fondamentali della scena portoghese, “Tell no Lies” è indicato tra i migliori dischi dell’anno da All About Jazz, la produzione di “En Portugal!” è supportata dall’Unesco. Ha collaborato con coreografi, fumettisti, danzatori, registi, action-painter, performer, video artists, poeti, attori, scrittori. Fondamentale nello sviluppo del proprio percorso è stata la condivisione di idee ed esperienze nell'ambito di progetti musicali, associazioni, collettivi ed il confronto con culture differenti. Ha frequentato masterclass tenute da Anthony Braxton, Roscoe Mitchell, Muhall Richard Abrahms, William Parker, Marc Ribot. Da oltre un decennio partecipa attivamente alle attività ed alla progettazione didattica della SPMII.